Travel | Londra in cinque ore

È iniziato tutto durante il black friday.
Ryan Air mi ha ricordato con un’amorevole newsletter che avrei potuto andare a Londra spendendo solo 19.80 euro.
E io ho detto sì, convinta e felice, perchè nel regno non mettevo piede dal lontano 1999.
Così ho comprato un biglietto di andata e ritorno in giornata, per l’ultima settimana di gennaio.
Mi sono detta: iniziamo bene il 2017, andando a bere un tè con l’adorata Queen Elizabeth, dopo vent’anni dalla mia ultima visita!

D’altronde, con l’avvento negli Stati Uniti di Trump, che non vede l’ora di unirsi al suo amico Putin e battagliare contro l’intero universo, sparando bombe a destra e a manca, bisogna saper cogliere tutte le occasioni per viaggiare.
Prima che sia troppo tardi, no? 🙂

Ho raccontato questa mia nuova avventura alla mia amica Eva e lei ha risposto “prendi un biglietto anche per me?”. Ovviamente l’ho fatto, con molto piacere.
Poi ho pensato che un biglietto sarebbe stato un bellissimo regalo anche per un’altra mia amica, la motivatrice letteraria Cristina.

Così siamo partite, due giorni fa, fermandoci in città per poco più di 5 ore.
Non si può certo visitare Londra in così poco tempo, ma vi assicuro che con una buona pianificazione, si può organizzare un itinerario corposo e interessante.
Un’infarinatura studiata per stuzzicare un futuro corposo soggiorno, per chi a Londra non è mai stato.
Una piacevole passeggiata tra nuove e vecchie architetture, per chi Londra l’ha già vista ma manca da qualche anno.

LONDRA DALL’ALTO DELLO SKYGARDEN

Se arrivate in città con un treno alla stazione di Liverpool Street, la prima tappa obbligata è il 35° piano del Walkie Talkie, uno dei tanti grattacieli londinesi, forse il meno amato. Dallo SkyGarden si vede tantissima Londra, circondati da piante tropicali.
Se avete voglia di trattarvi bene, potete anche bere un tea (dalle 2,50 £ in su) al Sky Pod Bar, guardando il bellissimo panorama.
La visita allo Sky Garden è gratuita e c’è obbligo di prenotazione, che si fa in pochi click da QUI.

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

L’IMPONENTE CATTEDRALE CHE TUTTO DOMINA

Dal Walkie Talkie si parte per una passeggiata verso la St Paul’s Cathedral, l’imponente cattedrale che con la sua maestosa cupola è visibile da tutta Londra. In così poche ore non c’è il tempo di visitare accuratamente la chiesa (l’ingresso costa 17 £), per questo vi suggerisco di ammirarla da una panchina del Carter Lane Garden, che la costeggia.

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

UNA PASSEGGIATA SUL MILLENIUM BRIDGE

L’ultima volta che sono stata a Londra, il Millenium Bridge era solo un sogno, un concorso di idee lanciato dal distretto di Southwark. Oggi, dopo diverse peripezie, il ponte è perfettamente integrato con l’ambiente circostante, con la sua elegante e leggera sagoma che unisce le due sponde del Tamigi, da Peter’s Hill alla Tate Modern, spettacolare galleria d’arte moderna e contemporanea.

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

LA FRENESIA DI PICCADILLY CIRCUS

Per risparmiare qualche minuto, interrompendo il cammino, si può prendere la mitica Tube per arrivare a Piccadilly Circus, crocevia trafficato, famoso per i pannelli pubblicitari e per la quantità di turisti che lo attraversano.
O così me la ricordavo, perchè l’altro giorno la quiete regnava sovrana e pure i pannelli pubblicitari se n’erano andati momentaneamente in vacanza. Per fortuna che almeno la statua di Eros era ancora al suo posto.
Mai dare tutto per scontato, Londra sa ribaltare abilmente le carte in tavola (e le piazze famose).

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

UN SALUTO ALLA REGINA A BUCKINGHAM PALACE

Da Piccadilly si prende Regent St fino all’incrocio con il The Mall, un ampio viale tra due magnifici giardini, il Green Park e il St James’s Park. Alla fine del Mall, c’è Queen Victoria che vi aspetta, con il grande monumento costruito nel 1911.
E dopo Victoria, c’è sicuramente Queen Lilibet, la nostra amata Elizabeth, che da Buckingham Palace veglia su tutta la perfida Albione.

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

SALUTARE IL VECCHIO AMICO (BIG) BEN

Salutata la Regina, si risale lungo la Birdcage Walk, fino ad arrivare alla Parliament Square. A pochi passi da lì s’incontra il caro vecchio Big Ben che, ammettiamolo, toglie il fiato per quanto è bello, slanciato, decorato, tirato a lucido. Lui, la House of Parliament e la Westminster Abbey sono magnifici.
Se poi volete davvero chiudere in bellezza, voltatevi verso sinistra e lasciatevi conquistare dalla rotondità del London Eye, la ruota panoramica sulla riva del Tamigi, da cui vedere un altro panorama spettacolare.

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Londra in cinque ore

Itinerario da cinque ore finito, è il momento di tornare in aeroporto.
Mi raccomando non-groupies, quest’anno siate un po’ pazzerelle e partite all’avventura, per fare una passeggiata a Londra, a Parigi, a Madrid o dove vi pare.
L’importante è che vi dedichiate un’intera giornata lontana dalla vostra solita quotidianità.
Buon viaggio!

About Elena Giorgi

Emiliano-romagnola, ragazzina negli anni ’80, si trasferisce a Milano nel 2008 e diventa un angelo custode di eventi. Lettrice appassionata, modera incontri letterari ed è stata direttore artistico di una rassegna segreta e notturna. Pratica mindfulness, mangia e beve con gusto e adora rilassarsi ascoltando musica jazz. Ogni giorno sceglie di sorridere. È meno cattiva di quello che sembra e vorrebbe morire ascoltando "La Bohéme".

8 thoughts on “Travel | Londra in cinque ore

  1. E per chi non ami l’andata e ritorno in un sol giorno con aereo (io sono tra questi, non ho paura di volare ma odio il delirio degli aeroporti) si può pensare all’alta velocità che collega molte fantastiche città italiane.
    Mio marito di recente ha fatto Milano-Roma in un giorno, stancante ma fattibile.
    Da Milano un sacco di mete: Firenze, Bologna, il Veneto, Torino.
    E da dicembre Italo collega pure la tua Ferrara!
    Grazie per queste splendide foto di Londra, io manco dall’88 figurati!

    1. Certo, si può partire anche in treno per vedere qualche città italiana in giornata, lo faccio spesso anche io… ma nessun treno ad alta velocità, fa pagare meno di 20 euro un’andata e ritorno! Con lo stesso tempo che s’impiega per fare Milano-Roma, si va a Londra, pagando la metà.
      C’è da riflettere, vero?

  2. Bellissime foto, itinerario perfettamente dettagliato! Vi ho pensato parecchio e sono felice che sia stata una fantastica giornata! Londra mi chiama sempre, anche se ci sono appena stata…ecco, mi hai fatto venire voglia di tornarci ancora!

  3. Anche io l’ho fatto il 7 e 8 gennaio in 2 gg invece che uno con un’amica ed è stato bellissimo!!! Non sono stata così fortunata come voi col tempo perché piovigginava ma abbiamo camminato lo stesso a sfinimento nella mia amata Londra! God Save the Queen tutta la vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *