Travel | Le isole dove inseguire l’estate

E quella volta, una domenica di ottobre, già l’autunno ci moriva addosso e io fumavo sigarette amare, e tu come uno specchio rotto riflettevi quell’immagine sbiadita del ricordo del frammento del brandello del profumo di quell’angolo d’estate. Mi dicesti: “Voglio vivere la vita come un alito di vento che, inseguito dall’aurora, già racchiude le speranze di un domani tutto mio che mi appartenga, e come donna accarezzare nuovi scampoli d’assenza”

Ecco sappiamo tutti come continua la canzone…
Incredibile ma vero, dopo millemila anni riesco pienamente a capire quel desiderio di fuga a solo un mese dal rientro nella vita quotidiana. Mettete subito una x qui sotto se anche voi, in una qualsiasi mattina recente, guardandovi allo specchio, avete pensato “Ma da quanti anni non vado in vacanza?

Invece era solo un mese fa che ci vedevamo sorridenti e rilassati. Qui urge una fuga.
Sì avete letto bene, FUGGIRE!
E sicuramente le fughe nelle isole sono quelle che prediligo.
Stamattina voglio essere generosa e condividere con voi i miei progetti di viaggio alla ricerca di angoli di estate e scampoli d’assenza.

Tre isole dove inseguire l’estate

Una fuga verso l’estate e la spensieratezza deve comprendere elementi di vicinanza e facilità che solo alcune mete possono assicurare. Quindi la mia selezione tiene conto di piccoli paradisi facilmente accessibili da Napoli. Isole che potrete raggiungere con voli e traghetti comodissimi. E dove soggiornare comodamente, comparando le varie offerte di case vacanze su hundredroooms.it, grazie al portale che permette con pochi click di sentirci a casa ovunque!

Favignana

favignana-travel-isole

Nell’arcipelago delle Egadi a poche miglia da Trapani, c’è Favignana. Un nome antico, dal latino favonio, il vento caldo che proviene da ovest, per indicare un paradiso tra le onde.
Facilmente raggiungibile volando su Trapani o Marsala e di lì con traghetto o aliscafo.

Appena approdati potrete notare le antiche tonnare dei Florio, famiglia industriale che per anni è stata proprietaria delle isole di Formica e Favignana.
Su  quest’ultima insediò una tonnara con stabilimenti conservieri che per la prima volta sperimentarono conservazione del tonno sott’olio. Questa antica tradizione ancora oggi assicura che in tavola a Favignana ci siano prodotti ittici di elevata qualità e bontà: come il tonno, il lattume, la bottarga, da accompagnare con la pizza trapanese.

L’isola è ricoperta dalla macchia mediterranea, dalle cave calcaree e dalle architetture bianche, con finestre azzurre e verdi. Un’isola da vivere in bicicletta che a settembre può riservare tante sorprese, potrete infatti godervi la Cala rossa sul versante nord e le altre bellissime calette, da scegliere seguendo il vento. Non dimenticate di portare con voi le scarpette da scoglio, un cappello e il maglione pesante per la sera.

Se volete consigli aggiornatissimi e appassionati su quest’isola vi consiglio la Braghy Guida definitiva su Favignana di Elena Braghieri. E per assaporare in anticipo i colori e la magia dell’isola, andate sul suo profilo Instagram. Lo ADORO!

La Gomera

Sono anni che progetto una vacanza a La Gomera, l’isola magica, la penultima isola delle Canarie. I motivi sono tanti: alle Canarie c’è uno dei microclimi migliori del mondo, e La Gomera è un piccolo tesoro naturale, con spiagge bellissime e paesaggi montuosi mozzafiato. In questo fazzoletto di terra potrete trovare vallate con palmeti, coste battute dal sole e dal vento e una distesa di montagne rigogliose.

La Gomera si raggiunge in aereo da Tenerife e Gran Canaria, oppure con traghetti di linea dal porto di Tenerife.
Tante le tradizioni popolari, tra cui il fischio! Dichiarato patrimonio immateriale dall’Unesco, quale sistema di comunicazione tipico e da preservare. Gli abitanti dell’isola comunicato da secoli tra loro con questo metodo, da un lato all’altro dell’isola, superando le distanze e i sentieri impervi.

Non è facile spostarsi a piedi da un posto all’altro quindi serve affittare un auto, per non perdersi tra i circa seicento chilometri di sentieri. Da non perdere la visita al Belvedere Di Los Roques, cinque blocchi di roccia magmatica, all’ingresso del Parco Nazionale di Garajonay. I miei consigli non possono tralasciare le ghiottonerie. Quindi dal mio blocco degli appunti vi riporto che dobbiamo assolutamente assaggiare la torta vilana fatta con uova, patate e zucchero, i formaggi e il miele di palma.

 

Milos

milos-travel-isole

Milos divenne improvvisamente famosa in un giorno qualunque dell’aprile del 1820. Allorquando un abitante dell’isola, scavando nel suo campo scoprì una piccola grotta e metà della statua di Venere. Eh sì! Proprio la Venere di Milo che è esposta al Museo del Louvre. Ora i greci vorrebbero tornasse in patria. Nel frattempo hanno disseminato questa isola di piccole e grandi riproduzioni della statua più famosa del mondo.

Situata nel lato più orientale dell’arcipelago delle Cicladi, Milos  – dalla forma di ferro di cavallo – può vantare le più belle spiagge dell’Egeo. Borghi colorati da cartolina, baie dalle acque cristalline e promontori che sembrano dipinti.

Ideale per una fuga all’insegna del relax e della semplicità, a spasso tra caffè e taverne di Apollonia i sulle oltre 70 spiagge dell’isola. Le pietanze più succulente sono a base di pesce e crostacei e la specialità è il formaggio Chinomizitra. Nell’aeroporto di Milos arrivano solo voli di linea da Atene, ma Milos è raggiungibile via mare anche da Naxos, Mykonos e Paros.

Queste sono le tre isole dove vorrei fuggire nei prossimi mesi e voi cosa ne pensate?
Avete altri suggerimenti? Che state progettando?

markettalight

About Nunzia Arillo

Sociologa, communications manager e, soprattutto, napoletana. Costantemente impegnata nella lotta tra serio e faceto. Riempie la sua vita - con la stessa intensità - di innovazione, libri e caffè. Non si ferma davanti a niente, nemmeno di fronte all'etichetta "lavare solo a secco". Crede nella reincarnazione e nella prossima vita vorrebbe essere manichino da Bergdorf Goodman. E' sedotta dal lusso, ma conosce la parola "mercatino" in tutte le lingue del mondo. Scrive sempre e ovunque pure su rotoloni asciugatutto (true story), non meravigliatevi di trovare la sua firma su magazine di musica, moda e luxury. Mollerebbe tutto per seguire Ivano Fossati ma la sua unica divinità è Stevie Wonder. La mattina si sveglia con il sorriso ma non dovete parlarle prima del caffè. Adora i numeri dispari, ma le piace ordinare le cose per 10.

4 thoughts on “Travel | Le isole dove inseguire l’estate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *