San Valentino? Preferisco Segreta è la notte!

Prendete un’ipercinetica e costringetela a stare chiusa in casa per giorni, nel tentativo (ennesimo) di guarire da una tracheite (mortale).
Aggiungeteci una spina dorsale difettosa, che a ogni strano movimento decide di bloccarsi, trascinando nel suo oblio anche una spalla e un braccio.
Cosa otterrete?
La sottoscritta.

Bloccata tra quattro mura, con la speranza di smettere di tossire (ringhiare) e di riprendere a muovermi entro stasera, che c’è Segreta è la notte e non posso certo mancare.
Nel frattempo, leggo, studio, ascolto e medito.
Cosa leggo?

Salto tra le disavventure alcoliche di un musicista, i ritratti jazz di Murakami e il delirio amoroso di Philip Roth.

Studio nuove tecniche di social media marketing.

Ascolto tutti i dischi del trio di Esbjörn Svensson e mi stupisco continuamente di come, ogni volta, mi sembrino diversi. Sarà perchè il buon Esbjörn, da lassù, ci fa i dispetti e rimescola le note?

Mi metto a meditare, per non impazzire.

Stasera si brinda a San Valentino con uno scrittore (fichissimo), un attore (fichissimo), un musicista (fichissimo) e il SuperDreamTeam, voglio essere abbastanza in forma per essere degna di cotanta bellezza.

Segreta è la notte

Prima di augurarvi una buona giornata, lasciate che vi dia un consiglio, da vecchia zia: innamoratevi della vita e festeggiate San Valentino ogni giorno!
Dalle mie prigioni, buona giornata.

About Elena Giorgi

Emiliano-romagnola, ragazzina negli anni ’80, si trasferisce a Milano nel 2008 e diventa un angelo custode di eventi. Lettrice appassionata, modera incontri letterari ed è stata direttore artistico di una rassegna segreta e notturna. Pratica mindfulness, mangia e beve con gusto e adora rilassarsi ascoltando musica jazz. Ogni giorno sceglie di sorridere. È meno cattiva di quello che sembra e vorrebbe morire ascoltando "La Bohéme".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *