Ricette con Tigre | Risotto tigrato con mandorle e uvetta

Mangerei risotto tutti i giorni.
È decisamente uno dei miei piatti preferiti, in qualsiasi formula mi venga proposto.
Sono una di quelle persone che riesce ad apprezzare anche i risotti dai sapori esotici, tipo quelli alle fragole, che fanno tanto inorridire i puristi.

Con anni di risotti alle spalle e sulla panza, non potevo non cimentarmi in una ricetta con i formaggini Tigre tra gli ingredienti, perfetti per la mantecatura finale, per la cremosità che donano a ogni piatto.
Ecco cosa vi propongo per una cenetta a due, magari pure vagamente romantica.
Farete un figurone!

INGREDIENTI PER 2 PORZIONI

160 gr. di riso arborio
1 lt. di brodo di verdura
uno scalogno piccolino
un cucchiaio di burro
due spicchi di formaggini Tigre
30 gr. di lamelle di mandorle
20 gr. di uva passa
un cucchiaino di brandy
un cucchiaino di aceto balsamico
sale

PREPARAZIONE

Mettete in ammollo l’uvetta in una ciotolina con acqua tiepida e il cucchiaino di brandy.
Soffriggete lo scalogno nel burro, fino a quando non si ammorbidisce. Aggiungete il riso e tostatelo per qualche secondo, poi iniziate ad aggiungere un po’ di brodo per volta, fino a cottura terminata.
Nel frattempo, tostate in una padella antiaderente le mandorle a lamelle, scolate l’uvetta e strizzatela.
Mantecate il risotto con i formaggini Tigre, aggiustate di sale e aggiungete l’uvetta.
Impiattate, decorando con un filo sottilissimo di aceto balsamico e le mandorle dorate.

Buon appetito!

Ricette con Tigre | Risotto tigrato con mandorle e uvetta

markettalight

About Elena Giorgi

Emiliano-romagnola, ragazzina negli anni ’80, si trasferisce a Milano nel 2008 e diventa un angelo custode di eventi. Lettrice appassionata, modera incontri letterari ed è stata direttore artistico di una rassegna segreta e notturna. Pratica mindfulness, mangia e beve con gusto e adora rilassarsi ascoltando musica jazz. Ogni giorno sceglie di sorridere. È meno cattiva di quello che sembra e vorrebbe morire ascoltando "La Bohéme".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *