Napoli | Borgo dei Vergini, cura di un luogo

A Napoli, un gruppo di cittadini, associazioni culturali, e commercianti si è rimboccato le maniche per far rinascere il Borgo dei Vergini.

Porta naturale del Rione Sanità, il Borgo dei Vergini è ricco di monumenti e chiese di grande interesse storico. Le sue potenzialità si estendono anche nel sottosuolo, caratterizzato da itinerari da esplorare. Venerdì scorso, dalle ore 18 alla mezzanotte, il quartiere si è acceso di nuova luce grazie all’impegno del Comitato Borgo Vergini.

Nato in maniera spontanea e mosso dall’amore per i luoghi e per la convinzione di un altro modello di vita urbana, il Comitato ha scelto di valorizzare il territorio e le tante realtà virtuose che lo abitano.

Borgo Vergini: cura di un luogo è stata la manifestazione che per una intera serata  ha animato le vie con visite guidate, musica e gastronomia. Fino a tardi è stato possibile visitare siti di interesse culturale, aperti al pubblico per l’occasione. Posti unici come la Chiesa e Complesso di S. Maria della Misericordia, il Complesso Monumentale Vincenziano, il sito archeologico dell’Acquedotto Augusteo del Serino e la Necropoli ellenistica di Neapolis.

Luci accese al Borgo dei Vergini

Abitanti del rione, ma anche napoletani provenienti da tutta la città, assieme ai turisti hanno vissuto una serata unica. Protagonista la passeggiata storico-artistica nel Borgo dei Vergini e il giro dei negozi del borgo. Molti aperti fino a tardi per offrire degustazioni di prodotti gastronomici locali e a esporre i loro prodotti artigianali. Straordinaria apertura della Stazione Museo della Metropolitana di Napoli, famosa nel mondo per le straordinarie ambientazioni.

E’ stata una serata speciale che ha reso visibili le attività che da tempo il Comitato ha messo in campo nel Borgo dei Vergini. L’obiettivo è proporre un nuovo modello di vivibilità e cura dei luoghi. Grande la partecipazione di musicisti e artisti che hanno reso il programma della manifestazione particolarmente ricco e articolato. Esibizioni musicali, tra gli altri di Michele Montefusco e Giovanni Imparato  dell’Orchestra Italiana Arbore, DJ SET con Gennaro T Albino Damato From Almamegretta, 4MX Mario Formisano by Almamegretta. 

Particolarmente emozionante il concerto duo organo e soprano con Giovanni Varriale e Paola Fiudi presso il Complesso Monumentale Vincenziano. Ad attrarre il pubblico anche le performance di Bruno Leone, Delirio Creativo con Enzo Colursi e Silvia Romano, Domenico Antonio e Alessandro, Teresa Kesler Tango e Tarantella, Emanuele Caliendo.

(photo credits: courtesy of  Comitato Borgo Vergini)

borgo dei vergini- imnotagroupie

borgo dei vergini- imnotagroupie

borgo-dei-vergini-imnotagroupie-11

borgo-dei-vergini-imnotagroupie-12

borgo-dei-vergini-imnotagroupie-13

borgo dei vergini- imnotagroupie

borgo dei vergini- imnotagroupie

borgo dei vergini- imnotagroupie

borgo dei vergini- imnotagroupie

borgo dei vergini- imnotagroupie

About Nunzia Arillo

Sociologa, communications manager e, soprattutto, napoletana. Costantemente impegnata nella lotta tra serio e faceto. Riempie la sua vita - con la stessa intensità - di innovazione, libri e caffè. Non si ferma davanti a niente, nemmeno di fronte all'etichetta "lavare solo a secco". Crede nella reincarnazione e nella prossima vita vorrebbe essere manichino da Bergdorf Goodman. E' sedotta dal lusso, ma conosce la parola "mercatino" in tutte le lingue del mondo. Scrive sempre e ovunque pure su rotoloni asciugatutto (true story), non meravigliatevi di trovare la sua firma su magazine di musica, moda e luxury. Mollerebbe tutto per seguire Ivano Fossati ma la sua unica divinità è Stevie Wonder. La mattina si sveglia con il sorriso ma non dovete parlarle prima del caffè. Adora i numeri dispari, ma le piace ordinare le cose per 10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *