Musica | la playlist di primavera

Per iniziare bene quest’ultima settimana invernale, torniamo a pubblicare e a condividere la nostra playlist di primavera, augurandoci che sia di buon auspicio per l’arrivo della nuova stagione.

Iniziamo con Two for Stevie una rivisitazione in chiave jazz delle più belle canzoni di Stevie Wonder, interpretate dal nostro pianista preferito, Dado Moroni, e dal sassofonista Max Ionata. Un disco per immergersi in un sound di puro godimento.

Il passaggio da una stagione all’altra richiede tantissima dolcezza e la giusta lentezza nell’affrontare i cambiamenti del clima e del corpo. Come togliersi le calze lentamente, sfilare la maglietta e sciogliere i capelli sulle spalle, lasciandoli ondeggiare.
Scegliamo di ascoltare il mio adorato Gregory Porter, la sua voce è una delle coccole preferite che sa accarezzarci delicatamente.

Dopo l’immancabile jazz, ecco un altro disco che ci fa venire voglia di buttare via il cappotto scuro e indossare abiti leggeri leggeri, con qualche tocco di colore.
X del giovanissimo cantautore britannico Ed Sheeran,  è un bel concentrato di leggerezza.
Fa davvero bene ai pensieri e vi donerà quella friccicarella sensazione di piacere.

Lo abbiamo aspettato per ben quattordici lunghissimi anni ma finalmente D’Angelo è tornato!
Black Messiah è un disco ruvido ma seducente. Sensuale come le prime giornate di caldo. Necessario come i raggi di sole a baciarti la pelle.

Ultimo disco di questa playlist primaverile è del poliedrico londinese Mark Ronson.
Uptown Special
non ha ha fatto ballare solo la first lady Michelle Obama, anche noi siamo lanciatissime in danze estremamente coreografiche mentre facciamo le pulizie in casa e il cambio di stagione nell’armadio.

Buon risveglio a tutti con la playlist di primavera creata dalle non groupie.
Ascoltate tanta musica, coccolatevi e concedetevi lunghe passeggiate.
Non c’è stagione migliore per rinascere e prendersi cura di sé stessi. E volersi bene, tanto, tanto bene.

Lascia un commento