Musica | Gli ascolti di maggio

La musica di maggio riserva ascolti inaspettati. Suoni nuovi che non conoscevamo, dai quali lasciarsi stupire e corteggiare. Musica che viaggia da una parte all’altra dell’oceano oppure si lascia trasportare dal tempo e dalle sue onde.
Sempre inaspettata ci arriva al cuore. Dal mio al vostro, ecco gli ascolti di maggio che spero vi facciano battere il cuore.

DIZZYRIDE – DIZZYRIDE

Esterno

Nicola Donà, da Venezia, e Zoë Kiefl, da Montreal, fanno nascere una collaborazione transoceanica con Dizzyride. Il loro disco di esordio con dieci tracce dal pop sognante e seducente. La musica emana psichedelia, afro-beat, disco e soul music. L’arrangiamento è minimale, unito a melodie orecchiabili, in cui gli strumenti si fanno notare come Jungle Mix e Cry Your Lungs Out. Intensa Young You, dal video di una bellezza inaspettata.

PASSION PIT – TREMENDOUS SEA OF LOVE

musica - passion pit - imnotagroupie

Mike Angelakos, voce e anima dei Passion Pit firma un nuovo album Tremendous Sea of Love. Ancora una volta la musica ci fa scendere a piedi nudi nella vita di Angelakos. Il disagio mentale, ma anche la speranza di trovare una via d’uscita.  Un disco in bilico tra il cantautorato e l’electro-pop. Un disco difficile e sofferto che però racconta l’amore e i ricordi, con una forza unica. Ascoltate For Sondra (It Means the World to Me) vi riscoprirete con gli occhi umidi per la malinconica delicatezza.

PAUL WELLER – A KIND REVOLUTION

musica - paul weller - imnotagroupie

A kind revolution ecco che torna Paul Weller. Eh sì, proprio lui! A due anni da Saturns pattern, Weller usa tutta la sua quarantennale esperienza per regalarci un disco che vale davvero la pena di ascoltare. Il sound è perfetto, ci sono i riff giusti, i ritornelli che ti entrano in testa. She Moves with the Fayre è un funky-rock che a  sorpresa ti presenta Robert Wyatt. Boy George apre invece One tear. E poi una ballad emozionante come The Cranes are Back che si attorciglia intorno alle orecchie. Eccezionale!

Cosa avete ascoltato voi a maggio? Cose vecchie o cose nuove? E soprattutto erano cose belle? Come sempre, via ai commenti qui sotto o sulla pagina Facebook!

About Nunzia Arillo

Sociologa, communications manager e, soprattutto, napoletana. Costantemente impegnata nella lotta tra serio e faceto. Riempie la sua vita - con la stessa intensità - di innovazione, libri e caffè. Non si ferma davanti a niente, nemmeno di fronte all'etichetta "lavare solo a secco". Crede nella reincarnazione e nella prossima vita vorrebbe essere manichino da Bergdorf Goodman. E' sedotta dal lusso, ma conosce la parola "mercatino" in tutte le lingue del mondo. Scrive sempre e ovunque pure su rotoloni asciugatutto (true story), non meravigliatevi di trovare la sua firma su magazine di musica, moda e luxury. Mollerebbe tutto per seguire Ivano Fossati ma la sua unica divinità è Stevie Wonder. La mattina si sveglia con il sorriso ma non dovete parlarle prima del caffè. Adora i numeri dispari, ma le piace ordinare le cose per 10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *