Motori | La Tesla

Chi di voi conosce la Tesla? E chi Elon Musk? Vi assicuro che se ancora avete lacune o idee poco chiare, fra qualche tempo non sarà più così perchè questa azienda e quest’uomo ci rivoluzioneranno la vita.

tesla_imnotagroupie_2

Non so se raccontarvi prima della macchina e dopo dell’uomo o viceversa, entrambi sono sexy ed interessanti e le loro storie sono intrecciate come certi fidanzatini nelle foto dei profili condivisi di Facebook.

elon_musk_imnotagroupie

Elon Musk è un quarantenne americano, di origine sudafricana, ed è semplicemente un fottuto genio. Ha codificato e venduto il suo primo videogioco a 12 anni, dimostrando di essere un imprenditore di visione, poco meno che adolescente. Fonda e rivende velocemente la sua prima società da studente universitario. Poco dopo è co-fondatore di Paypal e quando ne esce, con i suoi 150 milioni di dollari di buonuscita, si interroga subito su cosa possa fare lui per il mondo e su cosa il mondo possa fare per lui. Quindi pensa a due cosette semplici tipo lanciare razzi che trasportino persone nello spazio e creare l’auto elettrica del futuro. Vi risparmio l’idea di spedire gente in giro per gli Stati Uniti all’interno di bussolotti superveloci, c’è attiva anche questa.

Come vi dicevo, Elon Musk prende la sua liquidazione e tra le altre cose fonda la casa automobilistica Tesla, chiamata così in onore di un geniaccio serbo, fisico e inventore.  Per arrivare a realizzare progetti vincenti è passato da esplosioni di alcuni voli interspaziali ed anche le auto non sono andate subito benissimo. La Tesla è in perdita da anni e nonostante questo viene capitalizzata regolarmente ed è quotata in borsa, dimostrando che in molti credono alla visione di Elon. Per arrivare al primo obiettivo ha passato notti intere a preoccuparsi, ha fallito, ha fatto fatica ed è stato preso per pazzo. Il nostro biondino ha tenuto duro per anni, ci ha creduto, ha lottato e si è rialzato molte volte, e grazie a lui la mia Model 3 è realtà.

La sua avventura infatti parte nel 2003 e solo nel 2008 verrà avviata la prima produzione di auto, non proprio economiche. È un successo. Un successo che ha un obiettivo: la macchina elettrica per tutti. Così il 31 marzo del 2016 presenta la Tesla Model 3, una bella berlina 3 volumi che costerà intorno ai 35.000 € – prezzo base, prevedo altri 10.000 € di optional per avere un modello convincente in termini di prestazioni e velocità di ricarica. Ma per produrla gli servono delle prenotazioni, una base solida finanziaria, così propone l’opzione da 1.000 € l’una, e ne raccoglie ben 180 mila nelle prime 24 ore. A voi i conti, a voi il giudizio.

Quasi 200 mila persone gli hanno creduto e lo hanno dimostrato in un breve giro di fuso orario nel mondo. Elon secondo me si è ubriacato quella sera, sentendosi l’uomo più figo del pianeta. A maggio le prenotazioni mondiali superano le 400 mila unità, dando certezza alla data del 2017 per avviare la produzione. Anche io voglio prenotare la mia Tesla. Lo potete fare anche voi qui e sul sito trovate tutti i dettagli del progetto.

La Model 3 assomiglia ad una BMW serie 3 – eh eh – è elegante e sfilata e conterà sul 350 km di autonomia ed una ricarica molto veloce. Il potente motore svilupperà oltre 400 cavalli e tra gli optional avremo la guida assistita, il preambolo alle auto che si guideranno da sole. Certo, me la poteva fare più bella, più raffinata, ma mi accontento di questo coupé avveniristico, con un muso privo di polmoni, sfuggente come la più scontata delle sportive e inaspettatamente potente.

tesla - imnotagroupie

Grazie alla sua diffusione, fioccheranno le centraline elettriche dove ricaricarla e nei nostri box spunteranno delle vere e proprie prese elettriche industriali. Se penso al cavo ed alla durata del mio iPhone ho il terrore, ma pare dovrebbe andare meglio! Certo, sempre se non risparmieremo in petrolio per essere vessati dalle compagnie elettriche e sempre se l’Italia si adeguerà alla capillarizzazione delle centraline. Non vorrei stare tranquilla solo su Milano ed andare a spinta sulle stradine delle Dolomiti.

Quindi ci ritroviamo nel 2016 con Elon vincitore ed una macchina super in arrivo. Alla presentazione viene acclamato come un divo e la gente applaude ad un’automobile come ad un telefonino, vedi video integrale sotto.

Mi interessa tanto ciò che di umano c’è stato prima: mi affascina la forza resiliente di quest’uomo, oltre alla macchina. Mi sono innamorata di un sognatore, prima ancora del design aggraziato di una berlina. E non vedo l’ora di far parte della visione, con la mia prima Tesla sotto le mie aggraziate terga.

About Agnese Scarito

Mamma di gemelli, digital pre-Social, sostenitrice del tacco 12 ma proprietaria di Birkenstock. Leggo, ascolto, scrivo e lavoro in ordine sparso. Ho fissazioni anziane come Mina, Cesare Pavese e le auto. Amo i cambi Steptronic ma la mia macchina preferita è una Giulietta del '59. Mi appassiono di quasi tutto, se chi me lo racconta ha passione. Quindi scrivo per passione.

4 thoughts on “Motori | La Tesla

  1. grazie Agnese, bel post. Ho apprezzato particolarmente l’approccio “problem solving”.. si sente dire sempre “eh, ma le aree di ricarica non ci sono”, giustamente tu inverti il punto di vista. PS la Apple car ti sta facendo aspettare troppo, vero?

    1. Ciao Roberto,
      la rivoluzione non è sicuramente solo nella macchina, ma culturale, nei consumi e nell’approccio all’energia.
      Ammetto che il mio amore per Elon supera l’appeal della mela! 😉

      Felice che ti sia piaciuto il pezzo! 🙂

  2. Sai che non sono una ‘maniaca’ delle auto ma dopo questa presentazione, se potessi, la prenderei già solo per dare il mio contributo all’ambiente e al futuro dei miei nipoti. Cosa che se ognuno facesse nel suo piccolo… Comunque, bisognerebbe sensibilizzare e martellare i ‘signori’ che si occupano dei prezzi e dei servizi al cittadino per portare l’Italia e poi l’Europa a incentivare e rendere ‘economicamente’ fruibile a TUTTI l’acquisto e le ricariche energetiche. Sul bene nostro e del pianeta non si deve più speculare!!! E invece ci marciano alla grande!! Per tornare al punto…me la dovrai far provare! Grazie non-groupies!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *