Motori | La Lancia Delta Integrale, regina senza tempo

Nell’immaginario di ogni appassionata e appassionato di auto, un posto speciale è riservato alla Lancia Delta HF Integrale, regina dei rally a cavallo degli anni ’90.
Chi non la ricorda nella sua maestosa livrea Martini?

Lancia_delta_integrale_imnotagroupie
Lancia Delta HF Integrale
Delta_HF_imnotagroupie
Livrea e assetto della Lancia Delta HF Integrale Campione del Mondo

Ho sempre amato i suoi colori e le sue forme, il Deltone è tutt’ora una delle mie auto preferite con le sue linee affusolate ed il cofano sfuggente, perfetta per me che amo i musoni lunghi e le linee muscolose.
La Delta Integrale fu costruita appositamente per partecipare al Campionato Mondiale di Rally, versione sportiva della sorella stradale largamente diffusa in quegli anni.
Debutta quindi nel 1988, dominando le gare fino al 1993 con ben 5 titoli mondiali consecutivi e 35 vittorie.
Un’auto che fece del pilota Miky Biasion  una leggenda: vincitore per 2 volte consecutive del Campionato Mondiale rally nel 1988 e nel 1989, unico pilota italiano nella storia a detenere il titolo mondiale.

Furono anni di grandi tifoserie a bordo strada, rally gremiti e importanti investimenti da parte degli sponsor. Come non innamorarsene, sentite il sound!

La regina dei rally incantava con la sua linea potente, più muscolosa grazie ai parafanghi allargati e ai cerchi in lega da 15”, super sportiva grazie alle minigonne e ai paraurti rivisti, prese d’aria anteriori e cofano motore per completare un’aspetto pistaiolo.
Il motore da 1995 cm³ turbocompresso, dotato di intercooler e turbina che avevano portato i CV a 185, grazie anche ad una nuova gestione elettronica. Lo stesso motore, l’anno successivo, viene dotato di 4 valvole per cilindro battezzando la nuova versione Delta HF Integrale 16V.

Lancia_delta_anni80_imnotagroupie
Lancia Delta versione stradale

La Delta è rimasta nei sogni di molti ed in molti ne aspettano ancora la release a quasi 20 anni dall’uscita di produzione. Le voci su un suo ritorno sono sempre più insistenti, ma sono anni che aspetto di fiondarmi in concessionaria con tutti i miei averi per poter ordinare il primo modello disponibile. Credo avrò ancora molto tempo per risparmiare le decine di migliaia di euro che ci vorranno per coronare questo sogno.
Nel frattempo fantastico sulle foto fake ed i prototipi che ogni tanto sbucano in rete.

Sogno_integrale_imnotagroupie

Io ho la fortuna di averne un modello splendidamente conservato a portata di mano, curata in maniera maniacale da una donna malata di motori a 2 e 4 ruote, una vera non-groupie come quelle che piacciono a me.
Sonia divide il suo tempo libero con i quasi 400 cavalli parcheggiati in box, un veloce calcolo tra la sua splendida Ducati Monster 1200R ed una regale Lancia Delta HF Integrale Evo color rosso Monza del 1993 .

Sonia_Delta_integrale_imnotagroupie
Sonia al volante della sua Delta

Muso_delta_imnotagroupie

Dettaglio_Delta_imnotagrpupie

La Delta di Sonia è così amata, rispettata nella sua originalità e mantenuta in tutti i dettagli senza nessuna modifica da aver conseguito la prestigiosa Targa Oro Asi.

La Targa Oro è un riconoscimento rilasciato dall’ Automotoclub Storico Italiano che certifica l’originalità del veicolo e la conformità di tutti i suoi componenti rispetto all’originale. Questo avviene tramite una seduta di esame, dove l’auto viene sottoposta a perizia da parte di una commissione d’esame Asi che, una volta riscontrata l’idoneità, rilascia un attestato e la famosa Targa, che è quella che vedete nella prossima foto.

Targa_oro_Delta_integrale_imnotagroupie
Targa Oro ASI
Raduno_auto_delta_integrale_imnotagroupie
Una regina tra le signore. Ultima a destra la mia amata Giulietta Spider.

Spero di avervi fatto innamorare un po’ di un progetto e un sogno che ha cavalcato molti anni della migliore storia automobilistica italiana. Un sogno che vive ancora nella passione di uomini e donne come Sonia e che spero torni presto a fare capolino in un prossimo Salone dell’Auto.

Io nel frattempo… meno tacchi e più cavalli! 😉

 

About Agnese Scarito

Mamma di gemelli, digital pre-Social, sostenitrice del tacco 12 ma proprietaria di Birkenstock. Leggo, ascolto, scrivo e lavoro in ordine sparso. Ho fissazioni anziane come Mina, Cesare Pavese e le auto. Amo i cambi Steptronic ma la mia macchina preferita è una Giulietta del '59. Mi appassiono di quasi tutto, se chi me lo racconta ha passione. Quindi scrivo per passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *