Libri | Al via l’Italian Book Challenge

Dell’Italian Book Challenge s’è già detto tutto, inclusa qualche inutile e presuntuosa polemica.
L’idea nata dalla libraia Serena Casini della Libreria Volante di Lecco, si ispira a ciò che già accade nel resto del mondo: una sorta di gara di lettura tra appassionati di libri, che si sfidano a colpi di pagine lette.
Serena ha coinvolto i librai più social d’Italia, creando una fortissima rete che tenta, attraverso questa e molte altre iniziative, di fare cultura e di restare a galla in un mondo, quello editoriale, che in questa nazione ha tante, tantissime pecche e falle.

Italian Book Challenge

Il regolamento del gioco – perchè di GIOCO si tratta e come tale va preso – prevede la lettura di cinquanta libri entro dicembre, con una tappa intermedia a giugno, in occasione di Letti di notte, la notte bianca del libro e dei lettori.
A partire dal 25 febbraio, potrete acquistare i libri in una delle librerie che hanno aderito all’iniziativa e poi dovrete dimostrare di averli letti, compilando una scheda con una breve recensione.
Qui trovate il lungo elenco delle librerie indipendenti dove potrete ritirare la tessera e iniziare a giocare.

Ma quali libri dovrete leggere?
Ecco l’elenco completo con le indicazioni.
Ovviamente non ho saputo resistere e, di fianco a ciascuna categoria, ho scritto il libro che sceglierei io, se volessi partecipare (sono una pigrona, il condizionale è d’obbligo).
Inutile dirvi che buona parte delle mie scelte sono pubblicate da case editrici indipendenti e alcuni libri devono ancora essere addirittura stampati, ma vedranno la luce entro l’anno.

1. un libro vincitore di un premio nazionale: Paolo Giordano – La solitudine dei numeri primi
2. un libro pubblicato da una casa editrice indipendente: Jakob Arjouni – Cherryman dà la caccia a mister White
3. un libro per young adults (11-19 anni): R.J. Palacio – Wonder
4. un classico che avresti dovuto leggere alle superiori: Carlo Cassola – La ragazza di Bube
5. un libro ambientato nella tua regione: Giorgio Bassani – Cinque storie ferraresi
6. un saggio: Giacomo Di Girolamo – Contro l’antimafia
7. un libro ambientato in America: Kent Haruf – Benedizione
8. un libro che non superi le 150 pagine: Gabriele Romagnoli – Solo bagaglio a mano
9. una raccolta di racconti: George Saunders – Dieci dicembre
10. un libro dal quale è stato tratto un film (o ne sarà quest’anno): Ian Fleming – Casino Royale
11. un libro che ti è stato consigliato da una persona che hai appena incontrato: Chiara Gamberale – Le luci nelle case degli altri
12. un libro che puoi finire in un giorno: Walter Mauro – Miles e Juliette
13. un libro che abbia almeno 100 anni più di te: Charlotte Brontë – Shirley
14. un libro di oltre 600 pagine: Gregory David Roberts – Shantaram
15. un libro scelto dal tuo indie libraio di fiducia: Cristina, cosa mi dici?
16. un romanzo di fantascienza: Isaac Asimov – Robot NDR-113
17. un libro che ti è stato consigliato da un membro della tua famiglia: Haley Tanner – Cose da salvare in caso d’incendio  
18. un graphic novel: Zerocalcare – Dimentica il mio nome
19. un libro pubblicato nel 2016: Eric-Emmanuel Schmitt – La notte di fuoco
20. un libro il cui protagonista svolge il tuo stesso lavoro: conoscete libri con una specialista di grandi eventi su piazza?
21. un giallo: Lodovico Festa – La provvidenza rossa
22. un libro con la copertina blu: Giuseppe Tornatore – La corrispondenza
23. un libro di poesia: Derek Walcott – Egrette bianche
24. il primo libro che vedi entrando nella tua libreria preferita: Cristina, mettili a posto bene i libri all’ingresso!
25. una biografia o autobiografia: Yayoi Kusama – Infinity net. La mia autobiografia
26. un libro che ti faccia ridere: David Foster Wallace – Una cosa divertente che non farò mai più
27. un libro ambientato su un’isola: Elsa Morante – L’isola di Arturo
28. un libro che hai sempre voluto leggere (e non l’hai mai fatto): Arto Paasilinna – L’anno della lepre
29. un libro basato su una storia vera: Giuseppe Catozzella – Il grande futuro
30. un libro che racconta di un fallimento: Philip Roth – Nemesis
31. un libro che parla di libri: Laurence Cossé – La libreria del buon romanzo
32. un libro che abbia per protagonista un animale: Luis Sepúlveda – Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza
33. un libro scritto da un autore africano: Mohammed Naseehu Ali – Il profeta di Zongo Street
34. un epistolario: Mark Twain – Lettere dalla Terra
35. un illustrato (anche per bambini): David Grossman – La principessa del sole
36. un libro horror: Jay Anson – Orrore ad Amityville
37. il primo volume di una saga: Suzanne Collins – Hunger Games
38. un romanzo sulla musica: Nick Hornby – Alta fedeltà
39. un romanzo sull’arte: Susan Vreeland – La passione di Artemisia
40. un libro che abbia come protagonista una donna forte: Erica Jong – Fanny
41. una saga famigliare: Elizabeth Jane Howard – Gli anni della leggerezza
42. un libro ambientato in sud America: Miguel Bonnefoy – Il meraviglioso viaggio di Octavio
43. un libro di un autore italiano: Bianca Pitzorno – La vita sessuale dei nostri antenati
44. un libro basato su una favola: Bruno Bettelheim – Il mondo incantato
45. un libro che parli di sport: Duncan Hamilton – George Best, l’immortale
46. un libro che racconti un viaggio: José Saramago – Viaggio in Portogallo
47. un libro per bambini scritto in stampatello: un qualsiasi libro di Nicoletta Costa
48. un libro che parla di follia: Giuliano Pesce – Io e Henry
49. un libro che parla di matematica: Alez Bellos – Il meraviglioso mondo dei numeri
50. un romanzo di formazione: Francis Scott Fitzgerald – Di qua dal Paradiso

Cosa si vince alla fine di tutto questo leggere?
LIBRI. Il regalo più bello per chi ama perdersi tra le pagine e le storie raccontate dagli scrittori.
Allora, siete pronti?
Andate in libreria e iniziate a leggere!

Italian Book Challenge

About Elena Giorgi

Emiliano-romagnola, ragazzina negli anni ’80, si trasferisce a Milano nel 2008 e diventa un angelo custode di eventi. Lettrice appassionata, modera incontri letterari ed è stata direttore artistico di una rassegna segreta e notturna. Pratica mindfulness, mangia e beve con gusto e adora rilassarsi ascoltando musica jazz. Ogni giorno sceglie di sorridere. È meno cattiva di quello che sembra e vorrebbe morire ascoltando "La Bohéme".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *