Le 5 illustratrici italiane che amiamo

Uniche e originali. Sono donne e artiste che ci hanno colpito con la loro capacità di mescolare i linguaggi e lasciare il segno con coraggio e voce spigliata.
In passato vi abbiamo già presentato due nostre amiche illustratrici che a colpi di matita e mouse riescono a tratteggiare tutto un mondo: Angela Varani e Virginia Di Giorgio (Virgola).
Ispirate da questi universi di creatività, oggi scopriamo cinque bravissime illustratrici che stanno conquistando lo scenario nazionale e non solo.

Clorophilla, in viaggio tra nuovi media e antiche tradizioni

Originale e allergica alle etichette. La ligure Ludovica Basso, in arte Clorophilla, non è solo un’illustratrice ma una creativa in grado di unire linguaggi e materiali diversi. Dalle vecchie foto di famiglia che prendono nuovamente vita diventando gif animate, alle illustrazioni. Fino all’arte del ricamo e del cucito, con la creazione di pezzi unici ispirati al mondo degli ex voto. Le sue creazioni, ricche di colore e di una passionalità a metà tra innocenza e carnalità, cadono leggere su piatti, accessori, advertising. Caratterizzano persino una linea di abbigliamento, Kali Yuga. Potete inoltre andare a trovarla nel suo originalissimo Art B&B “A Creuza”.
Sito – Facebook – InstagramTumblr

fight - clorophilla -illustratrici - imnotagroupie

cuore-clorophilla-illustratrici-imnotagroupie

cynara - clorophilla -illustratrici - imnotagroupie

(Picture Credits Clorophilla)

Enrica Mannari, una sirena a Livorno

Una passione per il mare che nasce con lei, livornese doc, e uno stile caratterizzato da disegni con occhi enormi e struggenti e un certo gusto per l’esoterismo, i tarocchi e gli amuleti. Enrica Mannari mette nei suoi lavori veri e propri incanti che sembrano venire da un mondo lontano e misterioso: sirene, ex voto, santere, corni portafortuna. E soprattutto tanto blu, il colore che più di ogni altro evoca quell’elemento marino sempre presente nelle sue esperienze di vita come nei suoi disegni. Enrica si definisce “artigiana 2.0”: oltre a disegnare, infatti, crea pezzi unici come accessori e capi d’abbigliamento.
Sito – Facebook – InstagramPinterest

a-mare - mannari - illustratrici - imnotagroupie

lovers- mannari - illustratrici - imnotagroupie

cuore - mannari - illustratrici - imnotagroupie(Picture Credits Enrica Mannari)

Francesca Chessa, un mondo da fiaba antico e moderno

Ha studiato per diventare architetto ma oggi vive in un’antica casa piena di libri, nel centro di Torino. Disegna fiabe per bambini e coloratissimi e simpatici animali protagonisti di racconti e fumetti. Benvenuti nel mondo di Francesca Chessa. Allegri, colorati, pieni di poesia e tenerezza, i disegni di Francesca – alcuni dei quali nel 2005 sono stati inseriti in una collezione Unicef – parlano ai bambini ma anche ai più grandi. In questi anni ha rivisitato le favole più famose, dai Fratelli Grimm ad Andersen, e continua a impegnarsi in workshop e laboratori in giro per l’Italia, per coinvolgere e appassionare il pubblico nella meravigliosa arte del disegno.
Sito – Facebook – InstagramPinterest

autumn - chessa - illustratrici - imnotagroupie

never - chessa - illustratrici - imnotagroupie

sun - chessa - illustratrici - imnotagroupie

(Picture Credits Francesca Chessa)

Tostoini, un mare di poesia

Si porta il mare dentro, nonostante viva a Milano. Merito delle sue origini sarde alle quali abbina, come spiega nella presentazione sul suo sito web, un debole per l’antropologia e un passato speso nella comunicazione. È Roberta Ragona, in arte Tostoini, che proprio al mare collega una parte importante delle sue illustrazioni. Le creature marine, infatti, sono le sue passioni, nonché soggetti preferiti. Ad esempio troviamo una spiritosa foca equilibrista, la Balena Margherita in tutta la sua possente mole, ma soprattutto, il Lamentino, un adorabile e ingombrante mammifero marino, con qualche problema di autostima. Tostoini, in questi anni dedicati ad esplorare tutti gli aspetti della comunicazione, ha donato il suo stile ironico e poetico a copertine, progetti digital e pattern.
Sito – Facebook – InstagramBehance

balena - tostoini - illustratrici - imnotagroupie

lamentino- tostoini - illustratrici - imnotagroupie

tazza- tostoini - illustratrici - imnotagroupie

(Picture Credits Tostoini)

Olimpia Zagnoli, da Milano alla conquista del mondo

Con molta ironia, sul suo sito web, si definisce “una stronza millennial”. Olimpia Zagnoli, artista con base a Milano, ma ammiratori in tutto il mondo, è figlia d’arte. Con il padre, Miro, fotografo di fama, ha creato il brand Clodomiro – nome di battesimo del signor Zagnoli – che produce oggetti comuni, come piatti e tshirt, caratterizzati da un giocoso e divertito tocco di erotismo. Nelle sue illustrazioni, Olimpia – che ha all’attivo collaborazioni con nomi di primo piano sia italiani che internazionali, come Repubblica, Rizzoli, New Yorker, Rolling Stone, Barilla, Pomellato, Clinique etc. – si è cimentata spesso con tematiche sociali e di attualità, sempre con vivace eclettismo, colori ad alto impatto che richiamano la pop art e linee curve ormai associate al suo stile.
Sito – Facebook – InstagramTwitter

innisfree- zagnoli - illustratrici - imnotagroupie

glow - zagnoli - illustratrici - imnotagroupie

fly - zagnoli - illustratrici - imnotagroupie

(Picture Credits Olimpia Zagnoli)

About Nunzia Arillo

Sociologa, communications manager e, soprattutto, napoletana. Costantemente impegnata nella lotta tra serio e faceto. Riempie la sua vita - con la stessa intensità - di innovazione, libri e caffè. Non si ferma davanti a niente, nemmeno di fronte all'etichetta "lavare solo a secco". Crede nella reincarnazione e nella prossima vita vorrebbe essere manichino da Bergdorf Goodman. E' sedotta dal lusso, ma conosce la parola "mercatino" in tutte le lingue del mondo. Scrive sempre e ovunque pure su rotoloni asciugatutto (true story), non meravigliatevi di trovare la sua firma su magazine di musica, moda e luxury. Mollerebbe tutto per seguire Ivano Fossati ma la sua unica divinità è Stevie Wonder. La mattina si sveglia con il sorriso ma non dovete parlarle prima del caffè. Adora i numeri dispari, ma le piace ordinare le cose per 10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *