Franca Valeri | La nostra amata signorina snob

In questo tempo sospeso, oggi Franca Valeri riceve il premio David Speciale 2020.
Proprio lei che nei 65 anni del premio era stata completamente ignorata, mai nemmeno una candidatura. Eppure è sempre stato chiaro a tutti che lei sia l’artefice e l’apripista di un modo tutto nuovo di fare comicità, ma anche di raccontare le donne, con i suoi personaggi iconici come la Sora Cecioni, la Signorina Snob, Lady Eva, la Cesira di professione manicurista.

Franca Maria Norsa nasce a Milano il 31 luglio 1920, lo pseudonimo Valeri pare si debba alla sua passione per il poeta Paul Valery.
A lei dobbiamo quello switch che porta le donne da oggetto a soggetto di ironia, sempre scorretta, mai allineata, mutevole e surreale, grazie al ricorso a una scrittura incisiva come un bisturi.

Il debutto con Lattuada e Fellini, negli anni ’50 Franca ha lavorato con i più grandi registi italiani, Monicelli, Dino Risi, Steno, Caprioli. Famosi i suoi duetti con Alberto Sordi,  quei passi a due di personaggi così distanti: il romano caciarone e lei la signorina arguta e insofferente che lo bolla con il sintetico e tranchant “cretinetti”.
Attrice, certo, ma soprattutto autrice di sceneggiature, libri e testi teatrali, regista di melodrammi grazie alla sua passione per l’opera.

Franca è stata la protagonista di un tempo irripetibile, quello velocissimo che dal teatro, allo schermo fino alla televisione, la trova però sempre lucida e disincantata perchè come lei stessa scrive in uno dei suoi libri “Io ho una grande fortuna. Recito. E scrivo. Posso vivere nel tempo che voglio”.

Festeggiamo Franca Valeri!

A quasi 100 anni, Franca Valeri è una donna senza tempo, perchè mai nulla ha concesso al consueto e al prevedibile, non è stata giovane attrice, non è  vecchia signora, tantomeno vorrebbe essere bollata con l’odioso aggettivo giovanile. Protagonista unica della sua vita, non ha mai lasciato che il gossip, la vita privata dettassero le coordinate della sua arte, della sua progettualità.

Ed è quel fuoco della continua evoluzione, della costruzione che arte dentro quegli occhi vivaci e mai appagati, che accompagnano quella lingua tagliente e leggera che sempre ha saputo raccontare il presente.

Ci piace riportare la motivazione del premio “Alla sua visionaria intelligenza, patrimonio del nostro paese, siamo felici di assegnare il David Speciale del 65° anniversario. Grazie Signora Valeri” così ha dichiarato Piera Detassis, presidente e direttore artistico dell’Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello.

Le migliori risate le ho sempre fatte con un libro in mano, non c’è grande scrittore che non ti regali qualche riga di irresistibile ironia, il veicolo della comicità.
La vacanza dei superstiti, Einaudi 2016

Franca Valeri Franca Valeri Franca Valeri Franca Valeri

About Nunzia Arillo

Sociologa, communications manager e, soprattutto, napoletana. Costantemente impegnata nella lotta tra serio e faceto. Riempie la sua vita - con la stessa intensità - di innovazione, libri e caffè. Non si ferma davanti a niente, nemmeno di fronte all'etichetta "lavare solo a secco". Crede nella reincarnazione e nella prossima vita vorrebbe essere manichino da Bergdorf Goodman. E' sedotta dal lusso, ma conosce la parola "mercatino" in tutte le lingue del mondo. Scrive sempre e ovunque pure su rotoloni asciugatutto (true story), non meravigliatevi di trovare la sua firma su magazine di musica, moda e luxury. Mollerebbe tutto per seguire Ivano Fossati ma la sua unica divinità è Stevie Wonder. La mattina si sveglia con il sorriso ma non dovete parlarle prima del caffè. Adora i numeri dispari, ma le piace ordinare le cose per 10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *