Evviva il Pink Day

On Wednesdays We Wear Pink
Mean Girls (2004)

mean girl

Il mercoledì indossiamo il rosa, l’affermazione più rivoluzionaria fatta – oramai anni or sono – dalle famosissime Mean Girls. Ebbene avrebbero dovuto fare uno strappo alla regola e indossarlo anche oggi per il National Pink Day che cade ogni anno il 23 giugno. Avete letto bene, esiste un giorno all’anno – in America – dedicato al rosa e a tutto quello che rappresenta!

La storia del rosa

La prima apparizione del colore rosa avvenne nel tardo 17° secolo, definito nelle pagine di storia come una variante del rosso chiaro, che prendeva il nome dall’omonimo fiore. Un’origine piuttosto neutra e non connotata al femminile. A dimostrazione di quanto sia sociale e culturale la costruzione del significato dei colori.
Nel Medioevo, il rosa non era un colore di uso comune, apparve di tanto in tanto in qualche quadro e nell’arte sacra. Anche nel Rinascimento, il rosa fu utilizzato principalmente per definire l’incarnato di volti e mani. Insomma il nostro pink non aveva ancora “bucato lo schermo”.
Dobbiamo arrivare al periodo rococò per vedere il rosa salire ai fasti di colore raffinato e alla moda. Assieme agli altri colori pastello, infatti, invase  tutte le corti d’Europa. Madame de Pompadour, la favorita di Luigi XV di Francia, era famosa per indossare il colore rosa. Si racconta che avesse fatto creare una particolare sfumatura di rosa solo per i suoi vestiti.

Salvate il colore rosa

La prima attribuzione di genere avvenne nel 19° secolo, quando nastri e decorazioni rosa venivano portati dai ragazzi inglesi; perché se gli uomini indossavano uniformi rosse, allora i piccoli uomini dovevano indossarne una sfumatura più chiara, un rosso potenziale, il rosa! Viceversa la prima versione di rosa declinato al femminile si trova in Piccole Donne di Louise May Alcott:

Amy ha messo un nastro azzurro al maschio e uno rosa alla femmina, come si usa in Francia, in modo da distinguerli senza sforzo.

Insomma questo vezzo importato dalla Francia iniziò a connotare il rosa e sarebbe potuto andare in maniera molto  diversa. Perchè fino alla Seconda Guerra Mondiale non abbiamo tracce di profonde distinzioni di genere legate all’uso dei colori. Cosa che ritroveremo invece in maniera forte negli anni Cinquanta e con la società dei consumi, periodo in cui il rosa finì per essere marchiato come femminile e fru-fru.
A nulla sono valsi i tentativi degli anni ’90 di sdoganarlo in versione Shocking Pink assieme agli altri fluo anche per gli uomini.

Che ne dite, che sia giunta l’ora per la liberazione del colore rosa?

Modi di dire in rosa

In italiano ci sono solo due modi di dire dedicati al rosa: Vedere rosa, osservare la realtà in maniera positiva oppure Cronaca rosa, riferito alle notizie giornalistiche con tratti scandalistici. In America, ce ne sono di più e più divertenti.
Ad esempio:
to be in the pink = essere al meglio della forma fisica
to see pink elephants = avere allucinazioni derivanti dall’alcool
(avete presente la famosa scena di Dumbo nel film di Walt Disney?)
to be given a pink slip = ricevere un foglietto rosa, ovvero essere licenziati.

Noi abbiamo pensato per voi 5 modi per celebrare il rosa con qualche suggerimento.

5 modi per celebrare il pink day

Come? Ecco qualche suggerimento per indossare, mangiare, immergersi, viaggiare  in pink. Senza dimenticare di donare in rosa!

1. Indossare il rosa

pink imnotagroupie 11

Chanel Boy - pink

espadrillas Manebì - pink imnotagroupie

 

2. IMMERGERSI NEL ROSA

pink imnotagroupie 2

pink imnotagroupie 2

pink imnotagroupie 5

3. Viaggiare in rosa

Amalfi - pink imnotagroupie

Copenhagen - pink imnotagroupie

Miami - pink imnotagroupie

4. Nutrirsi di Rosa

pink imnotagroupie 20

pink imnotagroupie 14

pink imnotagroupie 15

5. Donare in rosa

Pink is GOOD,  il progetto della Fondazione Veronesi per promuovere la prevenzione e sostenere la lotta al tumore al seno. Un impegno per la ricerca che grazie al finanziamento di borse e progetti di ricerca  consente a medici e scienziati di dedicarsi allo studio e alla cura del tumore al seno.

Susan G. Komen Italia organizzazione senza scopo di lucro basata sul volontariato, che opera nella lotta ai tumori del seno.  Tante le loro attività, la più famosa è la Race for the Cure mini-maratona di raccolta fondi, che ha il duplice obiettivo di esprimere solidarietà alle donne che stanno lottando contro la malattia e sensibilizzare l’opinione pubblica.

Centro Problemi Donna consultorio laico autogestito, che opera da trent’anni nella a Milano. Nato negli anni settanta, per iniziativa di Gabriella Parca, come luogo di incontro delle donne, ora è un’associazione che offre servizi alle donne che hanno bisogno di affrontare situazioni complesse di carattere psicologico, familiare, sessuale, affettivo e legale.

Questi i nostri consigli per “festeggiare” degnamente il rosa. Avete in mente qualche altra idea per farlo? Aspettiamo i vostri suggerimenti!

About Nunzia Arillo

Sociologa, communications manager e, soprattutto, napoletana. Costantemente impegnata nella lotta tra serio e faceto. Riempie la sua vita - con la stessa intensità - di innovazione, libri e caffè. Non si ferma davanti a niente, nemmeno di fronte all'etichetta "lavare solo a secco". Crede nella reincarnazione e nella prossima vita vorrebbe essere manichino da Bergdorf Goodman. E' sedotta dal lusso, ma conosce la parola "mercatino" in tutte le lingue del mondo. Scrive sempre e ovunque pure su rotoloni asciugatutto (true story), non meravigliatevi di trovare la sua firma su magazine di musica, moda e luxury. Mollerebbe tutto per seguire Ivano Fossati ma la sua unica divinità è Stevie Wonder. La mattina si sveglia con il sorriso ma non dovete parlarle prima del caffè. Adora i numeri dispari, ma le piace ordinare le cose per 10.

2 thoughts on “Evviva il Pink Day

  1. Senza saperlo, indosso pantaloni rosa! E ho mangiato un panino con il tacchino che è rosino. Da sempre grande fan dell’azzurro, un pink day ci vuole proprio! Ma che spettacolo è l’Hotel Palumbo? wow!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *