Due libri |Letture per ragazzi?

Quarto appuntamento con la rubrica Due Libri che fa un bel giretto dalle parti delle letture per ragazzi! Perchè non c’è nulla di più piacevole che concedersi un giro tra gli scaffali dedicati ai teen e scoprire che è un universo molto ricco e vario.
C’è di tutto e gran parte delle opere hanno bellissime copertine!

La mia “debolezza” per le letture per ragazzi è nota e, assieme alla poesia, rappresentano il mio rifugio nei periodi particolarmente intensi. Se siete in grado di dribblare storie inutilmente melense e romanzetti fintamente ispirational, potete trovare dei piccoli capolavori.
Come la fuga su un’isola che non c’è, vi propongo due storie con protagonisti due ragazzi volitivi e appassionati. Calpurnia e Krabat, i loro nomi così insoliti e importanti che già indicano una vita dal destino non comune.

JACQUELINE KELLY – L’EVOLUZIONE DI CALPURNIA

l'evoluzione di calpurnia - letture per ragazzi - imnotagroupie

Che cos’era di preciso un naturalista? Non lo sapevo, ma decisi che per il resto dell’estate lo sarei stata. Se significava soltanto scrivere ciò che vedevi intorno a te, potevo farlo. Inoltre, ora che possedevo qualcosa per prendere appunti, vedevo cose che non avevo mai notato prima.

Calpurnia è la ragazzina che avremmo voluto essere: ingenua, ribelle, cocciuta e libera dalle convenzioni. Unica figlia femmina, in mezzo a sei fratelli, Callie Vee – questo il suo soprannome –  è figlia di un proprietario terriero, nel Texas dell’Ottocento. Vive nel benessere, in una grande casa di campagna circondata da campi di cotone. Ama la natura, scorrazza tra alberi, laghi e animali e ha tante domande in serbo.
Un giorno scopre l’esistenza di uno scienziato, Charles Darwin. Illuminazione!
Anche lei sarà una naturalista e accompagnata dal nonno e dal libro proibito, scoprirà il mondo degli animali e delle piante. Questo viaggio le farà soprattutto scoprire il suo posto nel mondo.
Edito da Salani, il libro è appassionante e scritto magnificamente.
L’evoluzione di Calpurnia
 è anche un inno al femminismo e al potere delle donne, vincendo molti premi e riconoscimenti. Il finale è aperto perchè Jacqueline Kelly nel 2015 ha scritto un sequel Il mondo curioso di Calpurnia.
Consigliato a chi non ha dimenticato la sua infanzia, ha ancora tante domande senza risposta, ma non per questo ha smesso di chiedersi perché.
P.S. Ma quanto è bello il nome Calpurnia? Ricordate quale altra protagonista letteraria si chiama così?

OTFRIED PREUSSLER – IL MULINO DEI DODICI CORVI

il mulino dei dodici corvi - letture per ragazzi - imnotagroupie

Avvenne tra Capodanno e il giorno dell’Epifania. Krabat, un ragazzo allora quattordicenne, si era unito a due altri giovani mendicanti sorabi, e sebbene Sua Grazia Serenissima, il principe elettore di Sassonia, avesse vietato – pena gravi ammende – il mendicare e l’andar vagabondi in Codeste Contrade (ma per fortuna i giudici e i funzionari addetti all’uopo non lo prendevano troppo sul serio), si misero a girare come tre Re Magi di villaggio in villaggio nella regione di Hoyerswerda.

Il mulino dei dodici corvi è un libro del 1971 che sorprende per non mostrare nemmeno uno dei suoi 46 anni. Un romanzo che si può definire fantasy per le ambientazioni, di formazione per il tema centrale. Sicuramente un classico per l’utilizzo così accurato dei miti e degli archetipi, forme universali del pensiero umano.
Il povero e orfano, Krabat scappa di casa per vagabondare. Di notte, un sogno ricorrente gli ordina di andare al mulino nella palude di Kosel. La curiosità lo spinge fino alle porte del mulino, dove è accolto dal mugnaio-maestro e da undici garzoni. Ben presto, Krabat capisce che non è un mulino come gli altri, ma bensì una vera scuola di magia nera. Dopo ogni settimana di lavoro, infatti, il venerdì sera lui e gli altri garzoni si trasformano in corvi e vengono istruiti dal maestro sulle formule contenute nel Koraktor, libro nero degli incantesimi. Eppure l’entusiasmo per le infinite possibilità della magia nera non basta, Krabat si fa molte domande e dopo tre anni scopre che la libertà e gli affetti sono l’unica cosa per cui vale la pena vivere.
Un romanzo a cui sta stretta la definizione letture per ragazzi. La trama scorre in maniera veloce ed è molto coinvolgente. La paura è in dosi sufficienti a far girare le pagine con la voglia di saperne di più.
Consigliato a chi ama le storie semplici ma con tutti gli ingredienti giusti per appassionare: amore, amicizia e paura. Adatto a grandi e piccoli e anche a chi non ama il fantasy.

About Nunzia Arillo

Sociologa, communications manager e, soprattutto, napoletana. Costantemente impegnata nella lotta tra serio e faceto. Riempie la sua vita - con la stessa intensità - di innovazione, libri e caffè. Non si ferma davanti a niente, nemmeno di fronte all'etichetta "lavare solo a secco". Crede nella reincarnazione e nella prossima vita vorrebbe essere manichino da Bergdorf Goodman. E' sedotta dal lusso, ma conosce la parola "mercatino" in tutte le lingue del mondo. Scrive sempre e ovunque pure su rotoloni asciugatutto (true story), non meravigliatevi di trovare la sua firma su magazine di musica, moda e luxury. Mollerebbe tutto per seguire Ivano Fossati ma la sua unica divinità è Stevie Wonder. La mattina si sveglia con il sorriso ma non dovete parlarle prima del caffè. Adora i numeri dispari, ma le piace ordinare le cose per 10.

2 thoughts on “Due libri |Letture per ragazzi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *