Cinque canzoni anni ’80 che mettono allegria

Avete notato che improvvisamente le giornate iniziano con il buio e sono grigioline?
Pare proprio che sia arrivato l’autunno triste, quello che ha il cielo sempre velato e ti colpisce a tradimento con attacchi di insonnia, ansia e malinconia.

Per ovviare a quest’improvvisa botta di cupezza che ci ha colte guardando il cielo plumbeo, oggi vogliamo farvi alzare dal letto e dalla scrivania per ballare con noi cinque canzoni anni ’80 che mettono allegria.
Per ribadire, ancora una volta, che noi ragazze degli anni ’70 abbiamo avuto la grande fortuna di vivere un periodo storico in cui le canzonette diventavano indimenticabili.
Che qualcuno provi a dire il contrario e, nel caso, venga a ballare con noi; siamo sicure che gli faremo cambiare idea!

Ricchi e Poveri – Sarà perchè ti amo

Era il 1981 e il trio dei Ricchi e Poveri si presentava al Festival di Sanremo con una canzone che sarebbe diventata la regina dei karaoke, da quel giorno e per l’eternità.
Un successo strepitoso, dovuto soprattutto alla brunetta del gruppo, davvero irresistibile.

E vola vola si sa
Sempre piu in alto si va
E vola vola con me
Il mondo e matto perche
E se l’amore non c’e
Basta una sola canzone
Per far cunfusione
Fuori e dentro di te

Raffaella Carrà – Ballo ballo

La Raffa nazionale nel 1982 apriva il sabato sera di RaiUno sulle note di Ballo Ballo, ondeggiando con la sua gonna di lustrini e facendoci sognare di piroettare all’infinito, senza cadere mai.
Capolavoro assoluto di non-sense ballerino, sfido chiunque a non lanciarsi in balli esasperati e convulsi leggendo il testo scritto da Gianni Boncompagni e Franco Bracardi.

Ballo, ballo, ballo da capogiro
Ballo, ballo, ballo senza respiro
Ballo, ballo, ballo m’invento un passo
Che fa così, fa così, fa così
Pazza, pazza, pazza su una terrazza
Porta, porta portami una farfalla
Ballo, ballo, ballo nel mio castello
Che cosa c’è, cosa c’è, cosa c’è

Gruppo Italiano – Tropicana

Il tormentone dell’estate 1983, cantato da un gruppo che finirà velocemente nel dimenticatoio. Tropicana però è un’eredità indimenticabile, qualsiasi cosa significhi.

L’esplosione e poi
Dolce, dolce
Un’abbronzatura atomica
Tra la musica
Dolce, dolce
Tutto andava giù
Mentre la tv (diceva)
Mentre la tv (cantava)
Bevila perché è Tropicana, ye

Spagna – Easy Lady

Era il 1986 e una ragazza italiana dai capelli platino e dall’acconciatura a porcospino conquistava l’Italia e il mondo con una canzone in inglese, che tradotta faceva più o meno così:
sono una ragazza semplice e gioco con la passione nella notte.
Ivana Spagna è diventata un’icona e anche se ora assomiglia a un incrocio tra la Barbie e Donatella Versace, noi le vogliamo molto bene.
Cantiamo tutte in coro!

Coz I’m a lady lady lady, easy lady
Lady playin’ passion through the night
Coz I’m a lady lady lady, easy lady
Playin’ with emotions, move on up

Miguel Bosè – Bravi Ragazzi

Chiudiamo con un inno alla vita e al coraggio, cantato dal quel bonazzo di Miguel Bosé nel 1988.
Bravi ragazzi è la canzone per eccellenza di chi negli anni ’80 era ancora abbastanza giovane da credere di poter cambiare il mondo.

Camminiamo sul filo del cielo
A più di cento metri dall’asfalto
Siamo un punto là in alto
Bandiere nel vento di città
E stare in piedi è quasi una magia
Tra tanti imbrogli, tanta ipocrisia
Andiamo avanti senza mai guardare giù
Tornare indietro non si può più

Quali sono per voi le canzoni anni ’80 che mettono allegria e che vi viene voglia di canticchiare spesso?
Ne abbiamo dimenticata qualcuna di importante?
Condividetela con noi qui o su Facebook, poi mettiamoci a ballare tutti insieme!

About Elena Giorgi

Emiliano-romagnola, ragazzina negli anni ’80, si trasferisce a Milano nel 2008 e diventa un angelo custode di eventi. Lettrice appassionata, modera incontri letterari ed è stata direttore artistico di una rassegna segreta e notturna. Pratica mindfulness, mangia e beve con gusto e adora rilassarsi ascoltando musica jazz. Ogni giorno sceglie di sorridere. È meno cattiva di quello che sembra e vorrebbe morire ascoltando "La Bohéme".

6 thoughts on “Cinque canzoni anni ’80 che mettono allegria

  1. Il fenomeno Miguel Bosè è stato epocale, io non ero una fan particolarmente accanita, quasi per niente, ma avevo compagne di classe, una in particolare, che davano di matto. Un giorno si seppe che sarebbe arrivato a Milano al Fan Club e fu delirio. Tutto sommato le parole, seppur scanzonate, sono incredibilmente reali e attuali anche dopo tanti anni. Certo dai, era un gran bel ragazzo. Poi se l’è preso Almodovar! Sgosh.
    Buona giornata, in effetti questo cielo un po’ di malinconia la fa venire. Baci

    1. Dai Sandra, diciamolo: Miguel Bosè è anche oggi un bonazzo pazzesco!
      Lo è pure vestito da donna in “Tacchi a spillo” di Almodovar.
      🙂
      Tu hai una canzone preferita degli anni ’80? Dai dai, dicci qual è!

  2. Be’, sono tante, ma Spiagge di Renato Zero anno 1983 sicuramente ha un post speciale nel mio remember, e anche Amore Disperato, stesso anno, di Nada. Oddio, non mettono molta allegria ma io ho un mood nostalgico piuttosto impegnativo. E ti citerò poi per rallegrare gli animi Alberto Camerini 😀

  3. Beh, allora non potrebbe mancare nemmeno “Amore disperato”, di Nada:
    “…sembra un angelo
    caduto dal cielo
    com’e’ vestita
    quando entra
    al sassofono blu”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *