Cinque app per meditare

Il brutto di essere 2.0 è quello di vivere sempre di corsa, continuamente connessi, sollecitati da milioni di input, con livelli di stress altissimi.
Il bello di essere 2.0 è che esistono decine di app per fare qualsiasi cosa, anche per imparare a meditare per rilassarsi un po’.

Certo, nulla può sostituire un buon programma dal vivo, seguiti da un buon terapeuta, ma se ancora non ve la sentite di fare come me e rivolgervi a un professionista che vi aiuti a ritrovare voi stessi, anche una app è un buon punto di partenza.

Ho selezionato per voi le cinque più utili, cercando di darvi qualche suggerimento su come utilizzarle.
Che la mindfulness sia con voi!

Headspace

È una delle più famose app per praticare, tra le più diffuse anche in Italia.
Completamente in inglese, è adatta a chi ha bisogno di un programma completo, cadenzato, con poca libertà di spaziare tra diverse attività ma con una grafica accattivante e colorata.
È l’unica, tra quelle descritte in questo post, ad avere bisogno di un login per essere utilizzata.
Ogni sessione dura circa 10 minuti e la successiva si sblocca al termine della precedente.
Insomma, è un vero e proprio allenamento, con tanto di statistiche, perfetto per chi ha bisogno di controllare tutto. Peccato che la mindfulness serva anche per diventare meno intransigenti verso se stessi…

Headspace

Headspace

Headspace

Mindfulness, Art of Being Human

Per seguire le due sessioni offerte gratuitamente è necessario essere abbastanza abili con la lingua inglese.
Avrete a disposizione un check-in da 9 minuti e una meditazione sul respiro da 10 minuti.
C’è anche una pagina dedicata al progetto The 8 days challenge, un percorso di otto giorni in cui seguire il mindfulness breath per controllare e diminuire lo stress.

Lite

5 Minuti Meditazione

In italiano e molto semplice da seguire. Nella versione gratuita avrete una sessione di meditazione sul proprio respiro, ma è possibile sbloccare sessioni aggiuntive fino ad arrivare a 28 giorni per 6,34 €.
Molto utile e variegata la consapevolezza rapida: 30 secondi che dedicherete a voi stessi per prendere coscienza di qualcosa che vi sta molto vicino.

Meditazione

Calm

Per prima cosa dovrete indicare almeno tre preferenze tra le vostre necessità. Volete dormire meglio? Combattere l’ansia? Migliorare la concentrazione? Aumentare l’autostima? Conciliare il sonno?
Fatta questa scelta, vi verrà chiesto quanta esperienza avete. Terminato questo breve test, potrete iniziare a meditare con vari programmi e sedute di diversa durata.
Nella versione gratuita avrete a disposizione il programma dedicato alla calma, la guida per coltivare la stessa dote e una serie di bodyscan.
L’app è in inglese, ma semplice da seguire se conoscete un po’ la lingua.

Calm

One Moment Meditation

È la mia preferita! C’è questo omino buffo che vi accompagna per un minuto di consapevolezza silenziosa. Se siete alle prime armi con la mindfulness, potete scegliere di attivare Warm-Up e Cool-Down, introduzione vocale e saluti finali, così vi sentirete seguiti in ogni passaggio.
Si può programmare un alert che vi ricorderà di prendervi il vostro minuto di consapevolezza, sia in un orario specifico – magari in pausa pranzo o prima di andare a dormire – ma anche a sorpresa, senza preavviso.
Per chi ha voglia di sperimentare senza iniziare subito con qualcosa di troppo pesante.

One Moment Meditation

About Elena Giorgi

Emiliano-romagnola, ragazzina negli anni ’80, si trasferisce a Milano nel 2008 e diventa un angelo custode di eventi. Lettrice appassionata, modera incontri letterari ed è stata direttore artistico di una rassegna segreta e notturna. Pratica mindfulness, mangia e beve con gusto e adora rilassarsi ascoltando musica jazz. Ogni giorno sceglie di sorridere. È meno cattiva di quello che sembra e vorrebbe morire ascoltando "La Bohéme".

2 thoughts on “Cinque app per meditare

  1. Bello! Ho Headspace, ma voglio provare anche One-Moment Meditation, mi piace l’omino XD
    Anche io sto cercando di non sclerare, è tanto difficile staccare quanto ricominciare a pieno ritmo. Insomma, qualunque cosa uno faccia, andare in vacanza o riprendere a lavorare, stressa! :)))

    Ciao care non-groupie, grazie dei consigli!

    1. One-Moment è la mia preferita, una minuscola dose di serenità espressa!
      Cerchiamo di non sclerare insieme, anche se qui è sempre più difficile…
      Teniamoci per mano Kuzzetta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *