Arte | I murales di Millo a Milano (e dintorni)

Che le non-groupies siano appassionate di street art è cosa nota.
Per questo abbiamo saltellato di gioia quando, due settimane fa, l’artista Millo ha annunciato sui propri social di aver terminato un nuovo murale nella prima periferia milanese.

Dopo i due immensi murales dipinti sulle case popolari di via Morosini, perfetta scenografia per quel Giardino delle Culture che fa tanto bene alla zona 4 di Milano, Millo ha regalato ai bruzzanesi In Bloom, la sua nuova opera d’arte, realizzata in soli 5 giorni.
L’enorme dipinto rappresenta un fiore di loto che nasce dalla terra e si erge fino al cielo, come a proteggere le due figure protagoniste, un maschio e una femmina, che si tengono per mano.

Millo a Milano

Millo a Milano

Millo a Milano

Sempre l’innocenza e l’amore sono i temi portanti dei murales di via Morosini, che riqualificano un’area per anni bistrattata.
Un giovane rabdomante cerca l’amore trasfigurato in un cuore immerso nella realtà metropolitana (Love Seeker), mentre dall’altra parte una ragazza usa un’enorme fionda per lanciare il suo cuore nel mondo (Heart Slingshot).

Millo a Milano

Millo a Milano

Millo a Milano

Millo a Milano

Millo a Milano

Millo, al secolo Francesco Camillo Giorgino, classe 1979, pugliese originario di Mesagne, è da anni sulla scena mondiale.
Ha realizzato un murale anche in Cina e nel 2014 ha vinto la B.Art competition, creando 13 murales su altrettanti palazzi della città di Torino.
Seguitelo sulla sua pagina Facebook per rimanere sempre aggiornati sulle sue creazioni mozzafiato.

INFO UTILI

Il murale di Bruzzano è in via Oroboni 24, sul muro di un’abitazione (vedi puntino rosso nella mappa).
Non è semplice vederlo per intero dalla strada, ma lo stupore che regala val bene una visita in zona.

Millo a Bruzzano

[articolo redatto da Elena Giorgi]

About Redazione

La redazione delle non-groupie è un luogo scoppiettante, dove le idee si accavallano, bisticciano, prendono forma e si liberano nell'etere. Tante menti diverse, che mettono i propri pensieri a disposizione l'una dell'altra, per creare post che raggiungano altre non-groupie ma anche tutti quei maschi che credono nel non-groupismo come stile di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *