Ricette con Tigre | Insalata saporita con perle

Sbaglio o sembra che sia arrivata l’Estate?
A Milano fa già caldissimo e la voglia di cibi leggeri ha preso il sopravvento sulla polenta con il cinghiale, tipicamente invernale.
Poi, bisogna ammetterlo, è giunta l’ora di mangiare leggero, perchè il caldo invoglia a spogliarsi e forse ci facciamo qualche remora di troppo se non ci mettiamo in riga a tavola, no?
Ecco per voi una ricetta fresca, veloce e leggera, altamente nutriente e ottima per affrontare i 23 gradi che ci hanno travolto senza preavviso.
Una ricetta che ho realizzato grazie alla perle di mozzarella senza lattosio Tigre, perfette quindi anche per chi ha intolleranze o problemi con il latte. Pesano 1 grammo l’una e regalano immediatamente un bel senso di leggerezza!

INGREDIENTI PER 4 PORZIONI

un cespo di indivia belga
una confezione di perle di mozzarella Tigre senza lattosio
cinque pomodori secchi
una ventina di pistacchi
un cucchiaio d’olio extra vergine d’oliva
pepe verde
sale

PREPARAZIONE

Tritate finemente con il coltello i pomodori secchi, metteteli in un recipiente e aggiungete i due cucchiai d’olio. Lasciate riposare per almeno mezz’ora. Tritate grossolanamente una ventina di pistacchi, a cui avrete tolto la fastidiosa pellicina, e metteteli da parte.
Trascorso il tempo, affettate sottilmente l’indivia e mettetela in una terrina. Conditela con l’olio aromatizzato, aggiungete sale e pepe verde secondo il vostro gusto.
Per finire, quando l’indivia sarà perfettamente condita, aggiungete le perle di mozzarella Tigre senza lattosio, rimescolate l’insalata e gustatela con una rara e preziosa sensazione di benessere.

Buon pranzo leggero, che la voglia di qualche settimana detox sia con voi!

Ricette con Tigre | Insalata saporita con perle

Ricette con Tigre | Insalata saporita con perle

markettalight

About Elena Giorgi

Emiliano-romagnola, ragazzina negli anni ’80, si trasferisce a Milano nel 2008 e diventa un angelo custode di eventi. Troppo pigra e indisciplinata per imparare l’uso di uno strumento musicale, si è dedicata assiduamente all’ascolto, attraversando ogni genere, dalla lirica al metal, approdando definitivamente al jazz. Lettrice appassionata, modera incontri letterari ed è stata direttore artistico di una rassegna segreta e notturna. Pratica mindfulness, mangia e beve con gusto e adora rilassarsi in una spa. Ogni giorno sceglie di sorridere. È meno cattiva di quello che sembra e vorrebbe morire ascoltando "La Bohéme".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *