Milano | La Tosa Impudica

La curiosità su Milano porta con sé nuove scoperte. Ho raccontato poco tempo fa della simpatica scrofa semilanuta e prontamente il pubblico delle non-groupies mi ha segnalato una figura femminile poco conosciuta, ma davvero particolare: la Tosa Impudica.

La Tosa Impudica

tosa impudica -milano

La Tosa Impudica è un bassorilievo del Dodicesimo secolo, attualmente conservato nelle sale del Museo di Arte Antica all’interno del Castello Sforzesco, che un tempo sovrastava Porta Tosa, l’attuale Porta Vittoria.

La Tosa, in milanese ragazza, è intenta a depilarsi il pube con un rasoio o delle forbici, con le vesti sollevate, in un gesto molto forte e provocatorio.

Ci sono diverse scuole di pensiero su questa particolare tavoletta, fatta rimuovere dalla sommità della Porta milanese, dal castissimo Carlo Borromeo quando diventò Arcivescovo della città.

Una Borgogna, una superstizione celtica o una coraggiosa milanese?

tosa impudica -milano

Si pensa che la raffigurazione fosse uno spregio nei confronti di Federico Barbarossa che aveva la colpa di aver raso al suolo Milano nel 1162. Rappresentando la moglie Beatrice di Borgogna in un gesto vile per quei tempi, sicuramente poco consono a una signora altolocata. Infatti, erano le prostitute che portavano la depilazione brasiliana completa ai tempi. Venivano punite così per il loro essere donne di malaffare, insieme alle adultere.

Un’altra lettura dell’opera parla di una figura celtica scaramantica, dove la rasatura del pube doveva essere un gesto che teneva lontano dalla città avvenimenti negativi e maligni.
Per altri, ritrae Leobissa, l’imperatrice di Costantinopoli che avrebbe negato ai milanesi l’aiuto per ricostruire la città dopo la distruzione normanna.
Infine, per altri ancora, si tratterebbe di una ragazza di Milano che, all’arrivo delle truppe nemiche, si alzò le vesti per distrarre i soldati.

Porta Tosa, attuale Porta Vittoria
L’incubo della ceretta

Fatto sta che la figuretta è inquietante e ci riporta a momenti molto dolorosi per noi donne, che ripercorriamo soprattuto in estate.

Certo, ai tempi non c’era l’amorevole supporto dell’Estetista Cinica e sicuramente il dibattito su ceretta all’inguine, brasiliana e brasiliana completa non imperversava nei gruppi WhatsApp delle amiche e nelle bacheche dei centri estetici di fiducia.

Tant’è che la Tosa Impudica è stata un po’ dimenticata negli anni, simbolo di un gesto femminile che incute ancora molta paura alle donne per prime e sicuramente anche agli uomini.

Amiche e amici non-groupies, la prossima volta che vedrete in spiaggia una peluria anni ’70 invece di un’ordinata brasiliana, ricordatevi i Celti, Carlo Borromeo, i Normanni e anche le porte storiche milanesi, prima di giudicare chi avete di fronte!

About Agnese Scarito

Mamma di gemelli, digital pre-Social, sostenitrice del tacco 12 ma proprietaria di Birkenstock. Leggo, ascolto, scrivo e lavoro in ordine sparso. Ho fissazioni anziane come Mina, Cesare Pavese e le auto. Amo i cambi Steptronic ma la mia macchina preferita è una Giulietta del '59. Mi appassiono di quasi tutto, se chi me lo racconta ha passione. Quindi scrivo per passione.

2 thoughts on “Milano | La Tosa Impudica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *